quaderni di usabilità TILS: Scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli

appuntamenti, strumenti di lavoro, personaggi, la rassegna stampa strumenti per approfondire gli argomenti scambia le tue idee ricerche bibliografiche, commenti e suggerimenti, libro degli ospiti consulta i quaderni

vai all'indice del quaderno n° 1

Evoluzione dei sistemi in linea per l’accesso alle informazioni

Synchronized Multimedia Integration Language (SMIL)

SMIL è un linguaggio XML che permette la creazione di presentazioni temporizzate con contenuti audio, video, immagini e testo [SMI]. Il suo utilizzo da parte di RealNetworks nel suo RealPlayer G2 lo ha reso il primo linguaggio XML di larga diffusione.

Un file SMIL inizia con un tag <smil> e contiene due sezioni:

una sezione <head>, che contiene informazioni sul layout della pagina;
una sezione <body>, che contiene informazioni sui contenuti e la loro temporizzazione.

La sincronizzazione dei contenuti prevede che più flussi possano venir presentati in sequenza ed in parallelo. I media utilizzabili in una presentazione SMIL possono essere immagini, testo, video, audio ed animazioni. Ad esempio, un possibile file SMIL potrebbe essere del tipo [BOU]

<smil>

<head>

<layout>

<root-layout height="425" width="450" background-color="black"/>

<region id="title" left="50" top="150" width="350" height="200"/>

<region id="full" left="0" top="0" height="425" width="450" background-color="#602030"/>

<region id="video" left="200" top="200" height="180" width="240" z-index="1"/>

</layout>

</head

 

<body>

<seq>

<text src="title.rt" type="text/html" region="title" dur="20s"/>

<par>

<audio src="map_narration.ra"/>

<img src="map.rp" region="full" fill="freeze"/>

</par>

<par> <img src="slideshow.rp" region="full" fill="freeze"/>

<seq>

<video src="slide_narration_video1.rm" region="video"/>

<audio src="slide_narration_audio1.ra"/>

<video src="slide_narration_video2.rm" region="video"/>

</seq>

</par>

</seq>

</body>

</smil>

Da questo file si nota come l’obiettivo di SMIL sia quello di definire il layout e le sorgenti per i contenuti della presentazione, passando poi a del software specifico (es.: il RealPlayer) l’acquisizione e la presentazione dello stesso. Un esempio del risultato è riportato in figura.

image98.gif (48185 byte)

Figura 48:
pagina descritta tramite SMIL