quaderni di usabilità TILS: Scuola Superiore Guglielmo Reiss Romoli

appuntamenti, strumenti di lavoro, personaggi, la rassegna stampa strumenti per approfondire gli argomenti scambia le tue idee ricerche bibliografiche, commenti e suggerimenti, libro degli ospiti consulta i quaderni

vai all'indice del quaderno n° 1

Architettura ed Evoluzione del World Wide Web
Precision Graphics Markup Language (PGML)

Il PGML è una proposta di standard, avanzata da Adobe, per introdurre nelle pagine Web le potenzialità di linguaggi grafici quali il PostScript ed il Portable Document Format (PDF) [PGM]. L’obiettivo è quello di permettere agli autori di pagine Web di utilizzare grafica 2D, animazioni e controllare con esattezza la formattazione del testo, in termini di font, colore e layout.

In pratica, si tratta di tradurre in XML i modelli di documento definiti per il PostScript e il PDF. Gli oggetti base del modello sono:

testo;
immagini;
forme;
path, definiti come contorni di oggetti.

Associati agli oggetti, vi è un sistema di coordinate, necessario per definire il layout della pagina, un sistema per la gestione dei font ed un sistema di colori device-independent.

Un esempio di file PGML che traccia la forma di un rettangolo, potrebbe essere del tipo

<?xml version="1.0"?>

<!DOCTYPE pgml SYSTEM "pgml.dtd">

<pgml>

<rectangle x="100" y="100" width="100" height="100" />

</pgml>

Gli oggetti PGML saranno esposti al DOM, per permetterne la manipolazione al fine di creare animazioni, permettere l’editing interattivo, trattare gli eventi legati al mouse, ecc..